Sembra ma non soffro

Un appello al “Teatro assente” di Quotidiana.com


Warning: Parameter 2 to wp_hide_post_Public::query_posts_join() expected to be a reference, value given in /home/customer/www/delteatro.it/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php on line 303

Nei giorni scorsi Roberto Scappin – fondatore con Paola Vannoni della compagnia Quotidiana.com – ha diffuso un appello al “Teatro assente“, ovvero a quegli artisti e gruppi del teatro italiano sperimentale (ma anche semplicemente “nuovo” e/o “contemporaneo”) che NON rientrano nelle  programmazioni dei Teatri Stabili. Il tema è certamente ampio e il dibattito in cui si inserisce lo è ancor di più. Per questo lo pubblichiamo volentieri anche su Delteatro.it, condividendone l’obiettivo di fondo che – ci pare – sia quello di contribuire al ripensamento del sistema teatrale italiano, minato non solo dalla crisi generale ma anche da ataviche problematiche che non si possono affrontare in poche righe. Come dire: non arrendiamoci, parliamo e confrontiamoci senza preconcetti, daje! (e.f.)

 

Avviso di autoconvocazione

Agli autori di teatro esclusi dai palinsesti della tradizione
Azioni per una rivoluzione del sistema teatro

Stagione Teatro Stabile di Bolzano 13/14
Teatro assente: Daniele Timpano, Matteo Latino teatrostalla, Roberto Mercadini, Menoventi, Le Brugole …

Stagione Teatro Stabile Friuli Venezia Giulia 13/14
Teatro assente: Psicopompo teatro, Kronoteatro, Carullo Minasi, Kinkaleri, Claudio Morganti, ErosAntEros, Garbuggino Ventriglia…

Stagione Teatro Stabile di Torino 13/14
Teatro assente: Sacchi di sabbia, AstorriTintinelli, Andrea Cosentino, Biancofango, 15 Febbraio, Korekanè, Piccola Compagnia Dammacco…

Stagione Centro Teatrale Bresciano 13/14
Teatro assente: Deflorian/Tagliarini, Accademia degli Artefatti, Capotrave, Scena Verticale, Gli omini, La Danza Immobile…

Stagione Piccolo Teatro di Milano 13/14
Teatro assente: Teatro Sotterraneo, Macelleria Ettore, Triangolo Scaleno Teatro, Città di Ebla, EmmeA teatro, Phoebe Zeitgeist, Aretè Ensemble…

Stagione Teatro Stabile di Genova 13/14
Teatro assente: Marco D’Agostin, Tony Clifton Circus, Teatro Giullare, Elvira Frosini/Kataklisma, Indigena teatro, Motus …

Stagione Teatro Stabile del Veneto 13/14
Teatro assente: Fanny & Alexander, Fibre Parallele, Teatro dei Venti, Odemà. Compagnia Bluscint, babygang, Con-fusione…

Stagione Emilia Romagna Teatro 13/14
Teatro assente: Lisa Ferlazzo Natoli, Eleonora Danco, Teatro Minimo, Marcido Marcidorjs e Famosa Mimosa…

Stagione Teatro Metastasio di Prato.13/14
Teatro assente: Punta Corsara, Berardi Casolari, Piccola Compagnia della Magnolia, Teatro Magro…

Stagione Teatro Stabile dell’Umbria 13/14
Teatro assente: Teatroi, Teatro Forsennato, gruppo Nanou, Codice Ivan, Francesca
Proia …

Stagione Teatro Stabile delle Marche 13/14
Teatro assente: Gogmagog, Teatro Patalò, inQuanto Teatro, Sineglossa, Silvia Costa, Instabili vaganti, Silvia Rampelli…

Stagione Associazione Teatro di Roma 13/14
Teatro Assente: Danio Manfredini, Cristina Rizzo, pathosformel, Masque Teatro

Stagione Teatro Stabile d’Abruzzo 13/14
Teatro assente: Muta Imago, Fagarazzi & Zuffellato, Cosmesi, Teatro delle Moire, Vico QuartoMazzini…

Stagione Teatro Stabile di Napoli 13/14
Teatro assente: Saverio La Ruina, Idiot Savant/Ludwig, Vincenzo Schino, mk…

Stagione Teatro Stabile di Palermo 13/14
Teatro assente: Re Spirale teatro, Teatro delle apparizioni, Reggimento carri, Vucciria teatro, Riccardo Goretti…

Stagione Teatro Stabile di Catania 13/14
Teatro assente: Tutti quelli che non abbiamo citato e si sentono parte in causa.

Poi ci sono i teatri stabili privati, i teatri stabili di innovazione, i circuiti teatrali… Abbiamo scelto di non segnalare quelle presenze del nuovo teatro che qua e là fanno capolino in alcuni stabili poiché rappresentano un’eccezione e non costituiscono certo un autentico riconoscimento delle nuove creatività.
Crediamo che nessuno dei teatri citati possa essere assurto a modello solo perché possiede uno spiraglio di consapevolezza rispetto al teatro contemporaneo. Ciò che sollecitiamo è un ripensamento più ampio del sistema teatro, che non può venire ostacolato e delegittimato dalle modeste pagelline dei teatri pubblici, mera conferma dell’immobilismo e della chiusura delle istituzioni.

I cartelloni delle stagioni teatrali finanziate dal Ministero possono cambiare.
Con tutti coloro che risponderanno a questo avviso si individueranno azioni che conducano ad un mutamento della situazione paralizzata del sistema teatro.

Gli interessati a questo appello possono chiamare il numero 338 8474454 – oppure scrivere a: quotidiana@alice.it per il coordinamento dell’incontro.

Roberto Scappin per quotidiana.com

2 commenti su “Un appello al “Teatro assente” di Quotidiana.com

  1. Bellissima iniziativa a livello cultural promozionale intellettualoide fare un’ennesimo dibattito…

    Ma dobbiamo sempre fermarci a dare la colpa a qualcuno al di sopra di noi se le cose non funzionano? Il teatro e’ un’ impresa culturale (sia nel produrlo, distribuirlo, finanziarlo, insomma FARLO) e in quanto tale innesca dei meccanismi di mercato.

    Mi permetto a questo punto di ribaltare la domanda. Le varie compagnie ‘assenti’ citate nel post che tipo di spettacoli offrono? che tipo di prodotto realizzano o producono per riempire un teatro?

    Purtroppo tutti devono fare i conti con i numeri e con la crisi e visto che in questo momento non ci si può permettere di sbagliare, e’ arrivato il momento che anche queste compagnie ‘assenti’ uniscano le forze, facciano rete e producano qualcosa di più interessante da proporre.

    • Le compagnie del Teatro Assente non annoverano nel loro cast John Turturro, Angela Finocchiaro, Ambra Angiolini, Silvo Orlando… o altri nomi illustri per far quadrare i conti. E’ ancora esclusivamente l’infingimento del potere seduttivo a dettare le leggi di mercato alle quali chini il capo devotamente.
      Mi auguro che tu sia in grado di decrittare questo messaggio intellettualoide e se non ci riesci puoi anche astenerti da un ulteriore commento, non sentirti morto se non riesci ad adempiere con dignità all’obbligo dell’opinione.