Zero Visibility Corp, "Again"

Tre fine settimana fra le corti sabaude


Warning: Parameter 2 to wp_hide_post_Public::query_posts_join() expected to be a reference, value given in /home/customer/www/delteatro.it/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php on line 303

Giovedì 17 luglio ha inizio a Torino la 15.ma edizione di “Teatro a Corte”, il festival di arti performative e circensi che si svolge nei luoghi più suggestivi della ex Real Casa. Si prosegue fino al 3 agostoEnzo Fragassi

Giunge come una ventata di fresca brezza del nord la quindicesima edizione di Teatro a Corte, il festival ideato da Beppe Navello e organizzato dalla Fondazione Teatro Piemonte Europa a Torino e nelle ex residenze sabaude. Quest’anno il programma prevede le anteprime nazionali di alcune compagnie provenienti dalla Penisola scandinava, a cominciare dai finlandesi Circo Aero, che in The Pianist si avvalgono della partecipazione di Thomas Monckton, astro nascente della clownerie neozelandese. Lo stesso Monckton è presente nello show dei Kallo Collective, Moving Stationery, in scena il 18. Giovedì 17 gli Zero Visibility Corp della coreografa norvegese Ina Christel Johannessen presentano invece il loro show intitolato Again (foto), performance di danza ispirata all’inesauribile fluire del tempo, simboleggiato da un mobile fondale di carta pieghettata che i danzatori utilizzano per le loro evoluzioni.

L’evento di apertura del festival, che si sviluppa attraverso tre fine settimana consecutivi, dal 17 luglio al 3 agosto, è però una creazione “site specific” di Emiliano Bronzino, regista di formazione ronconiana che ha pensato di guardare oltre le infinite polemiche legate alla realizzazione del Tav Torino-Lione creando un breve (20 minuti) viaggio musical-letterario composto da citazioni di Calvino, De Gregori, De Maistre, Montaigne, Pavese, Edith Piaf, Gianmaria Testa, Franco Battiato.

Il programma, che trovate QUI, alterna come sempre spettacoli di danza, teatro, circo contemporaneo, arte e video, spesso fusi in un unico menù per palati curiosi. Le 25 compagnie coinvolte provengono da 9 diversi Paesi europei, con alcune significative presenze italiane. Come quella di Ambra Senatore, che domenica 20 presenta in anteprima il brevissimo (appena 10 minuti) In piccolo al Castello di Aglié; o la compagnia Onda Teatro, che venerdì 25 porta in scena, sempre in anteprima nazionale, la nuova produzione Scarti, ispirata all’Earth Overshoot Day, ovvero il giorno in cui, secondo i calcoli di un gruppo di economisti e ambientalisti britannici, il mondo eccede la quota di consumo delle risorse che gli garantirebbe uno sviluppo sostenibile (quest’anno l’EOD cade il 20 agosto). Sabato 26 sarà invece la volta della compagnia Ateliersi, collettivo bolognese che con la nuova produzione Boia prosegue nella sua originale ricerca sull’evoluzione dei graffiti murali, intrecciandoli con danza e teatro.

Oltre ai già citati, fanno parte della vetrina finlandese-norvegese i coreografi finlandesi Ima Iduozee e Alpo Aaltokoski; la pittrice Nanna Susi (presente con una mostra presso la Reggia di Venaria Reale) e la compagnia di Jo Strømgren, autore di un curioso Dance Tribute to the Art of Football (che cade a fagiolo nell’anno dei Mondiali). Nel parterre incontriamo anche la nutrita pattuglia transalpina formata da Kumulus, Collectif G. Bistaki, Kristoff K. Roll, Les Apostrophès e Systeme Castafiore (che sperimentano il cinema in 4D ibridato col teatro); i britannici della Company Chamaleon; la compagnia belga Roberta DC della coreografa Barbara Mavro Thalassitis; gli iberici Agrupación Señor Serrano e i Senza Tempo, che riproporranno il loro cavallo di battaglia Lazurd, viaje a travès de l’agua, spettacolo di teatrodanza dedicato alla lotta per la sopravvivenza delle popolazioni nomadi del mondo. Insomma, ce n’è per tutti i gusti.

Www: Teatro a Corte

Info:
Informazioni per il pubblico: tel. +39 0115634352
Costo biglietti: intero 16/12 euro, pass 1 giornata al festival 18 euro, carnet 6 ingressi 54 euro.
Il festival mette a disposizione del pubblico bus navetta gratuiti per raggiungere le dimore sabaude.