Norma. La scommessa vinta dei teatri emiliani

 Se non ci fossero loro… Ha ragione Davide Annachini. Gran parte della vitalità musicale e lirica italiana – e per tutte le tasche- è ancora affidata ai teatri di tradizione. I quali, come ci spiega qui, spesso riservano grandi soddisfazioni.- Davide Annachini

I teatri di tradizione sono una realtà fondamentale per il mondo dell’opera e soprattutto in un momento di rinascita come questo i loro sforzi sono ancora più ammirevoli ed encomiabili.  Ad esempio il Teatro Comunale di Modena – dedicato ai due concittadini più illustri nell’arte del canto, Mirella Freni e Luciano Pavarotti – ha presentato all’interno di un cartellone declinato tutto al femminile, con Lucia di Lammermoor e Giovanna d’Arco, una Norma di notevole rilievo, se si considera soprattutto la difficoltà esecutiva del titolo.
Realizzata in coproduzione con la Fondazione Teatri di Piacenza (dove ha già debuttato) e con il Regio di Parma (dove sarà prossimamente), questa Norma si giustificava senz’altro per la presenza di un soprano “monstre” come Angela Meade, che in America è una sorta di star tuttofare, nel senso di non avere apparenti limiti vocali e di repertorio, ma che da noi ha fatto capolino solo di recente e non sempre in parti tali da esaltarne tutte le potenzialità, come quelle del Verdi di Aida o Simon Boccanegra, a differenza del Belcanto, dove la sua voce maestosa, duttile ed estesissima ha modo di imporsi in maniera impressionante. Il ruolo della sacerdotessa belliniana è un traguardo per poche fuoriclasse ma la Meade ha dimostrato di dominarlo non solo con i suoi potentissimi mezzi, che hanno inondato la sala del teatro nei momenti più infuocati come hanno saputo piegarsi a sfumature impalpabili, sino agli incredibili do acuti in pianissimo. Quello che ha maggiormente colpito nella sua prestazione è stata una presa del ruolo incisiva, intensa e nell’ultimo atto travolgente, a dispetto di una fisicità monumentale pari a quella vocale, che la Meade ha saputo gestire con grande sobrietà e padronanza sceniche. Dolcissima e furente, incantata e piagata, la sua Norma è stata protagonista a tutto tondo e finalmente, dopo tante versioni surrogate degli ultimi decenni, ascrivibile ad un autentico “soprano drammatico d’agilità”, come lo erano le interpreti ottocentesche e come solo la Callas e pochissime altre lo sono state nel secolo scorso.
Ma questa Norma non era confezionata solo a misura della primadonna. Sin dalla Sinfonia si è potuto capire che sul podio stava un direttore – Sesto Quatrini – con tutti gli attributi del giovane predestinato: gesto deciso, taglio esecutivo asciutto e nitido, lucida consapevolezza dello stile, del sostegno al canto e della resa teatrale di un’opera in bilico tra staticità neoclassica e furore romantico. L’Orchestra Filarmonica Italiana ha suonato benissimo, con sonorità compatte e lucenti, come il Coro del Teatro Municipale di Piacenza – preparato da Corrado Casati – si è fatto valere in un’opera che chiede molto alle masse vocali, come nel celebre inno “Guerra, guerra” già in odore di Risorgimento.
A fianco della Meade si sono distinti interpreti perfettamente centrati, a cominciare da un veterano come Michele Pertusi, un Oroveso di lusso per la vocalità ampia, solenne e nobilissima quanto per l’autorevolezza misurata dell’espressione. Interessante il Pollione di Stefano La Colla, tenore spinto di notevole ampiezza vocale, fraseggio scultoreo e proprietà scenica, che se solo evitasse certi fastidiosi portamenti per raggiungere gli acuti – di per sé squillanti e potenti – e ponesse maggiore attenzione all’esattezza esecutiva avrebbe i numeri per posizionarsi a livelli ancora più alti. Delicata e sensibile Adalgisa, corretta nel canto anche se limitata per volume ed estensione, Paola Gardina ha fronteggiato i due colleghi più con lo stile che con la potenza, mentre Stefania Ferrari e Didier Pieri sono stati rispettivamente una Clotilde e un Flavio all’occorrenza funzionali.
Lo spettacolo di Nicola Berloffa – con le scene suggestive di Andrea Belli, i costumi raffinati di Valeria Donata Bettella e le luci efficaci di Marco Giusti – trasportava l’azione dall’epoca dei Galli a quella di un Ottocento risorgimentale, tra rovine di palazzi monumentali, patrioti feriti e nobildonne crocerossine, ma soprattutto collocava le passioni dei protagonisti tra le mura domestiche, in una dimensione borghese in cui i tradimenti, i figli clandestini e gli eroici riscatti trovavano una loro ragion d’essere, ancora più che tra i Druidi e i Romani di Bellini.
Grandissimo successo, in particolare per la Meade, battezzata con entusiasmo dal pubblico emiliano.

Scrivi qui il tuo commento!

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.