6Bianca

6Bianca, il serial va in scena


Warning: Parameter 2 to wp_hide_post_Public::query_posts_join() expected to be a reference, value given in /home/customer/www/delteatro.it/public_html/wp-includes/class-wp-hook.php on line 303

A Torino l’inedito spettacolo in sei puntate diretto da Serena Sinigaglia, scritto da Stephen Amidon con gli autori della Scuola Holden. A Pontedera il bravissimo Cacà Carvalho affronta le “Memorie del sottosuolo” di Dostoevskij, mentre a Pistoia ha inizio il ciclo dedicato all’Iraa Theatre di Cuocolo-Bosetti. “Polvere”, la nuova pièce di Saverio La Ruina, giunge a Roma, mentre a Milano Gioele Dix riveste i panni del “Malato immaginario” che furono del grande Franco ParentiRenato Palazzi


Memorie del sottosuolo è un denso racconto lungo di Dostoevskij, la confessione di un uomo mediocre e febbrilmente consapevole della propria meschinità, già affrontato in palcoscenico da grandi personalità del teatro, da Giorgio Albertazzi a Patrice Chéreau a Marco Sgrosso. A cimentarsi con questo crudo monologo interiore è ora il bravissimo attore brasiliano Cacà Carvalho, protagonista anni fa di una straordinaria interpretazione di alcuni racconti di Pirandello, con la regia di Roberto Bacci. Da venerdì 6 al Teatro Era di Pontedera.

Al Funaro di Pistoia, la cascina-centro culturale nelle campagne toscane, sabato 7 inizia un ciclo dedicato alla compagnia Iraa Theatre di Renato Cuocolo e Roberta Bosetti, i creatori – lui regista, lei attrice – di spettacoli realizzati nelle case e in altri spazi inusitati, alla ricerca di una spiazzante intimità col pubblico. Si comincia con Serata Dickinson, dedicato alla grande poetessa americana. Segue il collaudato The secret room, quindi un laboratorio sul teatro domestico e l’anteprima di un nuovo lavoro, MM&M, che è una specie di loro autobiografia cinematografica.

Polvere, il nuovo spettacolo di Saverio La Ruina, arriva martedì 10 al Teatro India di Roma: il testo non racconta una storia in senso stretto, ma traccia un gelido schema delle piccole violenze psicologiche con cui un uomo tiene sottomessa la propria partner, a volte persino più feroci della violenza fisica che ne sarà forse lo sbocco finale. L’attore-autore rinuncia in questo caso ai panni della donna calabrese vittima del potere maschilista, che gli hanno dato il successo, per indossare quelli del maschio prevaricatore, mentre il ruolo femminile è affidato alla brava Jo Lattari.

6Bianca (foto) è il titolo di un insolito “serial” teatrale in sei puntate scritto dall’autore americano Stephen Amidon in collaborazione con alcuni giovani drammaturghi della Scuola Holden, e diretto da Serena Sinigaglia per il Teatro Stabile di Torino. La vicenda, ambientata nel capoluogo piemontese, prende le mosse dal misterioso suicidio della bellissima figlia di un ricco industriale. La prima puntata va in scena giovedì 12 al Teatro Gobetti, le successive proseguiranno fino a maggio. Fra gli interpreti Pierluigi Corallo, Mariangela Granelli, Francesco Migliaccio.

A venticinque anni dalla scomparsa di Franco Parenti, il teatro che dal grande attore ha preso il nome gli rende omaggio riproponendone un memorabile cavallo di battaglia, Il malato immaginario di Molière, autore da lui amatissimo, al centro di alcune delle sue più importanti interpretazioni. A firmare questa nuova messinscena è ancora Andrée Ruth Shammah, che già allora ne aveva curato la regia, mentre i protagonisti sono Gioele Dix e Anna Della Rosa. Lo spettacolo debutta giovedì 12 a Milano, ovviamente al Teatro Franco Parenti.

6Bianca, il serial va in scena