Le recensioni di Silvia Poletti

Tra Wilson e Nijinsky brilla la lezione di Baryshnikov

Fino al 20 settembre a Milano e poi in giro per il mondo ‘Letter to a Man’ che Bob Wilson ha allestito dai Diari di Nijinsky mostra alcune dissonanze ma impartisce, tramite Mikhail Baryshnikov, anche una grande lezione – Silvia Poletti continua a leggere

Maschile, femminile. Così danza Bolzano

La trentunesima edizione del festival di danza si interroga sull’eterna questione. Le risposte che dà sono varie, ma tutte ispirate. Perché all’insegna di uno sguardo sensibile e una capacità di dare emozione al movimento – Silvia Poletti Maschile/femminile. Ha un … continua a leggere

Frammenti di paura e di vita a CivitanovaDanza

Tre creazioni dominate dal tema della solitudine, dell’abbandono, della paura. Tre coreografi visionari: Philippe Saire, Olivier Dubois ed Enzo Cosimi. Una ‘turba’ di danzatori uomini e una sola donna, ma eccezionale – Silvia Poletti continua a leggere

Car Man quando la danza è Hard-Boiled

Con Car Man presentato in prima nazionale al Ravenna Festival Matthew Bourne ci dimostra che anche il teatro di danza può tingersi di ‘giallo’ e tenere in pugno, ‘senza un attimo di tregua’ l’attenzione del pubblico – Silvia Poletti continua a leggere

Biennale danza in una Venezia da vertigine

Si conclude il triennio di direzione della sezione danza della Biennale a cura di Virgilio Sieni. Che se possibile consolida la sua idea di danza democratica e diffusa, capace di impossessarsi della città – Silvia Poletti continua a leggere

La Nona di Zappalà: inno all’umanità che danza

Il coreografo Roberto Zappalà festeggia il giubileo d’argento della sua compagnia con un riconoscimento ministeriale e l’approdo sulle scene del Teatro Massimo della sua città, Catania, complice Ludwig Van Beethoven e un inno alla vita – Silvia Poletti continua a leggere

Osipova e Polunin: quando il proprio destino è la danza

Natalia Osipova e Sergei Polunin in Giselle al Teatro alla Scala hanno proposto al pubblico un’esperienza emozionale indimenticabile. Ecco perché – Silvia Poletti continua a leggere